La Cascina Mojetta, che fu di Alessandro Manzoni

cascina mojetta 1 qt8La via Cascina Mojetta ricorda l’esistenza di un antico edificio, una casa colonica demolita al tempo della copertura dell’Olona, il fiume che scorreva proprio lì accanto. La Cascina Mojetta aveva una storia monotonamente rurale: qualche gallina, i prodotti della terra e sull’aia al sabato si andava a ballare.

Gesti semplici, apparentemente privi di un tessuto storico importante, ma nulla è mai come sembra e al QT8 i significati sono sempre i più profondi: così la memoria urbanistica, lambita da un’elevata anima letteraria, ci consegna un ricordo indelebile.

Alessandro Manzoni, il grande scrittore, fu proprietario della “Mojetta” e, in qualche zolla di terra o in un soffio del vento, avrà sicuramente lasciato un pensiero, un’emozione, “un’eredità” al suo passaggio.

Ezio Flori, trattando laPresunta povertà di Alessandro Manzoni, pubblica per primo il testamento del poeta. Nel lungo scritto, troviamo “la Cascina Mojetta”:

“Il tenimento di Brusuglio apparve, qual era veramente, vastissimo. Comprendeva terreni distinti nei comuni di Brusuglio, Cormano, Bruzzano, dei due Borghi e Trenno, giungeva con propaggini di territorio fino a Lampugnano …
… Brusuglio e le “possessioni della bassa” eran venute al Manzoni dalla madre; ma dal padre don Pietro, era venuta la cascina Mojetta…, fra Trenno e Lampugnano.
… Dal Lido di Milano, prendendo a destra la strada di Lampugnano, per alcune centinaia di metri, si scorge la Mojetta, oggi proprietà Scheibler, biancheggiare su verde distesa privata. Il vecchio cascinale è ancora intatto…cascina mojetta qt8

Natalia Ginzburg, nel suo libro “La famiglia Manzoni” (Einaudi ed), percorre la storia di questa grande famiglia lombarda e riporta, in un carteggio dello scrittore, una citazione della Mojetta.

Nei primi giorni di ottobre vi fu a Brusuglio un tremendo nubifragio, con una grandinata che devastò la campagna. La moglie Teresa scrive: “Le chicche di grandine furono altro che chicche! …I vasellami in cantina andavano a nuoto; in granaio dai tetti maceri, e quasi sfondati precipitava acqua e grandine sulla granaglia. Non c’è più foglia in giardino, né erba sui prati. Alla Mojetta… le piante, i tetti, ogni cosa ne fu sconquassata, sfondata, tagliata, affondata …I poveri Mojetta (erano così chiamati i contadini che abitavano “la Mojetta”) vennero a raccontare la loro passione stamani …

 

 

In anteprima: "Alessandro Manzoni", Francesco Hayez, 1791-1882

 

PROSSIMI EVENTI

22 Ott
Concorso Fotografico Foliage
22 Ott 2018 - 24 Nov 2018

Partecipa al concorso fotografico "Autunno al QT8, Foliage"

Hai tempo fino al 25 Novembre 2018 per mandare fino a tre foto e aggiudicarti uno dei tre premi nelle tre categorie Adulti e Bambini, assegnati da una giuria di professionisti e il premio Giuria Popolare asseganto dalle preferenze espresse su Facebook tramite il like degli utenti.

 

L’autunno è una seconda primavera, quando ogni foglia è un fiore. (Albert Camus)

NEWSLETTER

LA MOJETTA DEL MANZONI

Alessandro Manzoni qt8Alessandro Manzoni, il grande scrittore, fu proprietario della “Mojetta” e, in qualche zolla di terra o in un soffio del vento, avrà sicuramente lasciato un pensiero, un’emozione, “un’eredità” ...leggi tutto

IL QUARTIERE GIARDINO

Nel 1971 l'area verde di 38 ettari fu costituita a parco urbano e piantumata.  ora si presenta come un'area alberata su quattro livelli di quota, con stradine sterrate, sentieri, scalinate e con canaletti di scolo delle acque meteoriche. Destinato ad una fruizione compatibile è frequentato dai molti podisti ...Leggi tutto

GIARDINO DEI GIUSTI

giardini giusti QT8Il "Giardino dei Giusti di tutto il mondo" di Milano è un memoriale a chi si è opposto ai genocidi e ai crimini contro l'umanità, situato nel Parco Monte Stella.
Nasce per onorare persone ...Leggi tutto